Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 447068
dal 05/06/2007

Ciaspole

Panorama invernale
Panorama invernale
Le dorsali appenniniche che da Tortona, passando per Volpedo, San Sebastiano Curone e Fabbrica Curone, si innalzano fino a Caldirola e da Novi Ligure, passando per Serravalle Scrivia, Cantalupo Ligure arrivano fino a Capanne di Cosola e a Carrega, costituiscono una delle più affascinanti aree della provincia di Alessandria.

Il crinale che tocca i rilievi del Monte Giarolo (mt. 1473), del Monte Ebro (mt. 1700) e del Monte Chiappo (mt. 1700) e divide la Val Curone dalla Val Borbera permette di spaziare a 180 gradi sul territorio di quattro regioni: Piemonte, Lombardia, Emilia e Liguria, offrendo una panoramica straordinaria sul nostro Appennino.

Uno spettacolo sorprendente e inaspettato si può gustare anche dalla vetta del Monte Antola (mt 1597), posto all’estremità sud-orientale del Piemonte, da dove, nelle giornate limpide, la vista può spaziare dal mar Ligure a buona parte dell’arco alpino.

Un’altra zona di grande pregio paesaggistico è quella dell’alta Val Lemme e dell’alto ovadese, con la dorsale che parte dal Passo della Bocchetta, passa per il Monte Leco e raggiunge il Monte Tobbio, offrendo incomparabili vedute panoramiche.

I primi mesi dell’anno sono caratterizzati da condizioni meteorologiche ottimali per effettuare escursioni con gli sci o le ciaspole: le temperature sono spesso di diversi gradi sotto lo zero e la neve in media raggiunge uno strato di 30/40 cm con i versanti spazzati dal vento, per cui si cammina o si scia su crosta compatta sui tratti esposti o, se si affrontano i sentieri nei boschi, su neve farinosa.

E’ possibile raggiungere la dorsale da diversi punti e poi muoversi sullo sprtiacque con lievi saliscendi, percorrendo decine di chilometri in tutta sicurezza: è possibile raggiungere in breve un rifugio o le strade asfaltate e su tutto il territorio è presente la copertura dei maggiori operatori telefonici.

ITINERARI

1 CALDIROLA – MONTE EBRO


Il Monte Ebro
Il Monte Ebro

Come arrivare: Dall’uscita autostradale di Tortona si risale la SP 100 della Val Curone fino a Caldirola (km. 35 + 500), giungendo al termine della provinciale nei pressi della Colonia Provinciale; dal parcheggio antistante il Centro di soggiorno della Provincia, si segue il sentiero 106 che porta dopo un’ora al Rifugio Orsi, situato su un altopiano immerso in una splendida faggeta.

IL Rifugio Orsi
Verso il Rifugio Orsi

Dal rifugio è facile raggiungere la dorsale che porta ai Monti Panà, Gropà e Giarolo, seguendo il sentiero 114 oppure proseguire sul sentiero 106 fino a raggiungere il Monte Ebro, da dove si può continuare fino al Monte Chiappo.

Lungo il Sentiero 106
Lungo il Sentiero 106

Il Sentiero 114
Il Sentiero 114

2 CAPANNE DI COSOLA – MONTE CHIAPPO

Come arrivare: dall’uscita autostradale di Vignole Borbera (A/7) si risale la Val Borbera, percorrendo la SP 140 fino al valico di Capanne di Cosola (km. 41 + 500); dal parcheggio antistante il ristorante si accede al sentiero 105 che conduce al Monte Chiappo(mt. 1700); poco prima della vetta si trova sulla sinistra una dorsale che porta al Monte Ebro (mt. 1700), congiungendosi con il percorso descritto prima.

Salita da Capanne di Cosola
Salita da Capanne di Cosola

Sulla vetta del Chiappo è situato un rifugio del quale sono disponibili informazioni al seguente link:
http://www.vallestaffora.info/gli-itinerari-mainmenu-35/22-gli-itinerari-/361-il-monte-chiappo-balcone-sulle-alpi-e-il-mar-ligure

3 CAPANNE DI CARREGA – MONTE ANTOLA

Come arrivare: dall’uscita autostradale di Vignole Borbera (A/7) si risale la Val Borbera, percorrendo la SP 140 fino al km. 27,400, poi si imbocca la SP 147, percorrendola fino al km. 15,700, dove, poco dopo la località di Capanne di Carrega (ove è presente l’omonimo agriturismo, aperto tutto l’anno), si trovano sulla destra le indicazioni del sentiero 200 che conduce al Monte Antola (mt. 1597).

Alta Val Borbera
Alta Val Borbera

Poco sotto la vetta è presente un rifugio del quale si possono avere maggiori informazioni al link

http://www.parks.it/rif/parco.antola/

4 PASSO DELLA BOCCHETTA – MONTE DELLE FIGNE

Come arrivare: da Gavi si risale la SP 160 fino al Passo della Bocchetta (km. 33,700), ove sulla destra si imbocca il sentiero E1 che sale alle pendici del Monte Leco e arriva poi al Monte delle Figne (mt. 1172).

Maggiori informazioni al link http://www.parks.it/parco.capanne.marcarolo/

5 VALICO DEGLI EREMITI – MONTE TOBBIO

Come arrivare: da Voltaggio si percorre la SP 166 della Val Morsone fino al Valico degli Eremiti (km. 4,700), dove si prende il sentiero 401 che sale al Monte Tobbio (mt. 1092); dal sottostante Passo della Dagliola si può prendere la deviazione che porta al Monte delle Figne, congiungendosi all’itinerario precedente.

Ulteriori dettagli al link http://www.parks.it/parco.capanne.marcarolo/


Ulteriori informazioni (cartine, fotografie, profili altimetrici e descrizione dei percorsi) relativi ai sentieri proposti sono disponibili all’interno delle pagine del sito

servizioparchi@provincia.alessandria.it

Telefono 0131304546