Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 514401
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO VEGNI - PASSO TRE CROCI

240

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 294.31 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 8.51 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 13.37 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 49.81 kb)

Si risale la provinciale SP 140 della Val Borbera fino al km 27,400, poi si imbocca la SP 147 in direzione di Carrega Ligure; dopo circa 3,8 km. si prende la strada comunale sulla destra che sale in 5 km. alla frazione di Vegni, dove si parcheggia l’auto sul piccolo piazzale; percorsi i primi 50 metri del sentiero 242, si trova sulla sinistra una stradina in salita, dove inizia il sentiero 240.
 
Dopo aver svoltato a sinistra, si prosegue in salita per un breve tratto su cemento fino ad arrivare ad un piccolo spiazzo ove si trova una fontana e sulla destra si ritrova l’imbocco del sentiero sterrato che sale sul versante boscato; si tratta dell’antica strada comunale del paese di Vegni, oggi diventata una mulattiera dal fondo lastricato parzialmente invasa dalla vegetazione, dalla quale si possono apprezzare bellissimi scorci panoramici sull’Alta Val Borbera.
Dopo aver superato un abbeveratoio in cemento, si svolta a sinistra e, costeggiando un muretto di recinzione si prosegue tra cespugli di ginepro (Juniperus communis) e carpino nero (Ostrya carpinifolia), fino ad entrare in un fitto bosco di faggio (Fagus sylvatica).
Si risale sul versante tra i faggi fino ad innestarsi su un’ampia carrareccia; si svolta a sinistra e si continua a camminare in costante salita in una luminosa faggeta aggirando le pendici del Monte Carmetto.
Dopo aver superato con un tornante il Monte Carmetto, il tracciato svolta deciso verso sud, supera un cancello in metallo e prosegue nella faggeta su continui saliscendi; il percorso si snoda lungo la linea di crinale, gli alberi ostacolano la visuale sul panorama circostante, con a destra il sottostante versante ovest e le borgate abbandonate di Ferrazza e Reneuzzi, mentre a sinistra il versante est con le frazioni di Magioncalda e Fontanachiusa.
Proseguendo tra stupendi esemplari di faggi, si superano le pendici del Monte Propiano, si esce dal bosco e finalmente si può godere di un bellissimo scorcio panoramico sul crinale di confine con la provincia di Piacenza con il Monte Cavalmurone, il Monte Carmo e la località di Capanne di Carrega.
Il tracciato prosegue sul crinale, il bosco incomincia a cambiare fisionomia per la presenza di un deciso rimboschimento a conifere miste e dopo aver superato una piccola area di sosta attrezzata si prosegue tra numerosi esemplari di sorbo montano (Sorbus aria) e sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia), che con le loro bacche colorate ravvivano il paesaggio nei mesi estivo-autunnali.
La carrareccia si restringe e diventa un sentiero che attraversa una zona aperta tra arbusti di sorbo montano e esemplari di maggiociondolo (Laburnum anagyroides) e poco dopo rientra nella faggeta, allargandosi nuovamente e tornando mulattiera risale il versante boscato fino a giungere al Passo delle Tre Croci (1490 mt), piccolo spiazzo nella faggeta ove sono state poste dagli abitanti di Propata tre croci in ricordo dei valligiani colti di sorpresa da una tempesta e qui morti assiderati tempo addietro.
Al Passo si incrocia il sentiero 200 (Anello Borbera Spinti), che in questo tratto collega Capanne di Carrega al Monte Antola.


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
5,31 km

Tempo
2 Ore


Icona pdf Scarica il pieghevole (file pdf 392.27 kb)

Allegato 1: L’inizio del percorso
L’inizio del percorso

Allegato 2: Fontana a Vegni
Fontana a Vegni

Allegato 3: L’imbocco del sentiero
L’imbocco del sentiero

Allegato 4: Veduta panoramica
Veduta panoramica

Allegato 5: Antichi muretti in pietra
Antichi muretti in pietra

Allegato 6: La carrareccia
La carrareccia

Allegato 7: Il Monte Carmetto (mt. 1399)
Il Monte Carmetto (mt. 1399)

Allegato 8: L’antica mulattiera
L’antica mulattiera

Allegato 9: Area di sosta
Area di sosta

Allegato 10: Panorama sulla valle di Carrega
Panorama sulla valle di Carrega

Allegato 11: Verso la meta
Verso la meta

Allegato 12: Il Passo delle Tre Croci (mt. 1490)
Il Passo delle Tre Croci (mt. 1490)

Allegato 13: Le Tre Croci
Le Tre Croci