Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 447232
dal 05/06/2007

ANELLO BORBERA - SPINTI TAPPA 02 (CA' DEL BELLO - MOLO BORBERA)

200

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona immagine Visualizza la mappa (file jpg 5.08 Mb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 10.69 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 23.57 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 106.01 kb)

Il sentiero 200 (ABS Anello Borbera – Spinti) è un itinerario di lunga percorrenza che ha come punto di partenza Stazzano e, con un percorso pressoché circolare, ricalca i confini delle valli Borbera e Spinti, raggiungendo Arquata Scrivia.
L’itinerario completo ha uno sviluppo di circa 100 chilometri, attraversa territori incontaminati e tocca le principali cime del nostro Appennino,  ponendosi come uno dei percorsi più significativi per gli amanti dell’escursionismo.
In considerazione della notevole lunghezza, il percorso è stato suddiviso in 11 tappe:
1.  Stazzano - Cà del Bello
2.  Cà del Bello - Molo Borbera
3.  Molo Borbera - Forcella sud Monte Barillaro
4.  Forcella sud Monte Barillaro - Monte Giarolo
5.  Monte Giarolo - Capanne di Cosola
6.  Capanne di Cosola - Capanne di Carrega
7.  Capanne di Carrega - Monte Antola
8.  Monte Antola - San Fermo
9.  San Fermo - Costa Salata Mongiardino
10. Costa Salata Mongiardino - Borassi
11. Borassi - Arquata Scrivia.

La parte che va dal Santuario di Cà del Bello a Molo Borbera è caratterizzata da tratti di crinale con belle vedute panoramiche alternati a tratti immersi nei fitti boschi dell’Appennino.
 
Si risale la provinciale della Val Borbera SP 140 e, sulla circonvallazione di  Borghetto, si svolta a sinistra al semaforo, percorrendo una stretta strada asfaltata che conduce al Santuario di Cà del Bello, nei cui pressi si parcheggia l’auto.
 
 
Il sentiero parte dal Santuario di Cà del Bello (mt. 495), punto panoramico sulla val Borbera, nei cui pressi si trovano gli innesti del sentiero 205, che conduce a Vargo e del sentiero 204, che scende a Borghetto Borbera.
Il percorso risale il versante in un ambiente caratterizzato dalla presenza di roverella (Quercus pubescens) e orniello (Fraxinus ornus) e, dopo aver superato un tornante, transita nei pressi di un cippo che commemora un partigiano caduto durante la Resisitenza; si continua in un castagneto fino a giungere in un’area più aperta e panoramica che porta in leggera discesa al bivio della “Crocetta”.
A tale incrocio bisogna imboccare la carrareccia sulla destra e proseguire in falsopiano in un piacevole ambiente tra cespugli di ginepro (Juniperus communis) e ginestra (Spartium junceum); si scende leggermente di quota e al successivo tornante si lascia la carrozzabile, proseguendo diritti e passando al di sotto di un affioramento arenaceo.
Su una comoda mulattiera si percorre un tratto a mezza costa fino a giungere ad un antico casolare in pietra, chiamato Cascina del Terro e, secondo le ricostruzioni storiche, dimora dell’antica famiglia degli Acerbi nel secolo XVII.
Superato il casolare, al bivio successivo si svolta a destra ed in breve si arriva all’incrocio con la strada provinciale SP135, dove si gira a destra, e si percorre un tratto su asfalto per raggiungere il borgo medioevale di San Martino di Sorli; all’incrocio si svolta a sinistra direzione Bastita, si supera la graziosa chiesetta di San Martino e ci si addentra nel borgo, dove sono presenti numerose targhe che descrivono l’utilizzo delle diverse abitazioni nei secoli passati.
Il percorso attraversa le strette e antiche stradine e prosegue in leggera salita sul versante boscato tra castagni, roverelle e carpini neri fino ad incrociare la diramazione che in pochi minuti porta ai ruderi del Castello di Sorli, luogo che merita sicuramente una visita sia dal punto di vista storico che da quello panoramico.
Il sentiero 200 continua a mezza costa ed arriva ad un incrocio, dove bisogna proseguire diritti in lieve salita e, dopo aver superato la struttura di un acquedotto, si incontra un bivio dove si tiene la destra; dopo 200 metri circa bisogna prestare attenzione alla segnaletica, perché si abbandona la carrozzabile sterrata e si risale a sinistra sul versante immettendosi su un sentiero tra cespugli di ginestra e profumatissimo timo.
Dopo circa 500 metri il sentiero si ricongiunge alla carrozzabile sterrata, svolta a destra in discesa, continuando per un breve tratto sulla strada, poi svolta a sinistra e si immette su un tratto invaso dalla vegetazione arbustiva che rende difficoltoso il passaggio, ma che in breve porta al nucleo di Poggio Maggiore della frazione di Sorli.
Arrivati sull’asfalto si svolta a sinistra, costeggiando le ultime abitazioni e percorrendo la strada provinciale per circa 700 metri; nei pressi di una curva si lascia l’asfalto svoltando a destra su una strada campestre che prosegue in lieve discesa tra campi coltivati e piccoli boschetti.
Il percorso attraversa una verde vallata immersa nel silenzio della natura e offre ampi scorci panoramici che arrivano sino al Monte Tobbio e alle altre cime dell’Appennino; la stradina prosegue fino ad una svolta a sinistra da dove si apprezza una bella veduta della frazione di Molo Borbera (mt. 332), dove termina l’itinerario.
 


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
10,01 km

Tempo
3 Ore 30 Minuti

Allegato 1: Il santuario di Cà del Bello (mt. 495)
Il santuario di Cà del Bello (mt. 495)

Allegato 2: Il primo tratto del percorso
Il primo tratto del percorso

Allegato 3: Affioramento di arenaria
Affioramento di arenaria

Allegato 4: La Cascina del Terro
La Cascina del Terro

Allegato 5: La chiesetta di San Martino
La chiesetta di San Martino

Allegato 6: Scorcio della borgata di San Martino
Scorcio della borgata di San Martino

Allegato 7: Arrivo al castello di Sorli
Arrivo al castello di Sorli

Allegato 8: I ruderi del castello
I ruderi del castello

Allegato 9: Panorama dal castello
Panorama dal castello

Allegato 10: Un tratto del sentiero
Un tratto del sentiero

Allegato 11: Arrivo a Poggio Maggiore
Arrivo a Poggio Maggiore

Allegato 12: Antica costruzione in pietra
Antica costruzione in pietra

Allegato 13: Stradina campestre
Stradina campestre

Allegato 14: Paesaggio primaverile
Paesaggio primaverile

Allegato 15: Arrivo a Molo Borbera (mt. 332)
Arrivo a Molo Borbera (mt. 332)