Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 453770
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO PERTUSO - ROCCAFORTE LIGURE

260

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 145.64 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file jpg 193.54 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 20.99 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 78.08 kb)

Percorso impegnativo, soprattutto nel primo tratto, per il dislivello e per alcuni passaggi esposti sulle rocce di puddinga, attrezzati con corde fisse e passerelle in legno.

Il sentiero è dedicato a Serena Salvucci e Alessandro Mennella, giovani soci del CAI di Novi Ligure, residenti in Val Borbera e tragicamente caduti in un incidente sul Gruppo del Monte Rosa nel luglio 2003.

Risalita la Val Borbera lungo la strada provinciale SP 140, si giunge (km. 15,600) al piazzale antistante la stele di Pertuso (mt. 376), monumento che ricorda il sacrificio dei partigiani della Divisione Pinan Cichero durante il periodo della Resistenza, dove si può parcheggiare l’auto.

Attraversata la provinciale si imbocca la stradina che scende verso il torrente e subito si giunge al ponticello sul Borbera (mt. 351), passato il quale si deve superare un breve tratto esposto, ma attrezzato con passerelle in legno e corde fisse; il sentiero piega poi sulla sinistra con una serie di ripidi tornanti che salgono decisamente sulla puddinga, la caratteristica formazione rocciosa della zona, tra orniello (Fraxinus ornus), lantana (Viburnum lantana) e ligustro (Ligustrum vulgare); la fatica della salita è ampiamente compensata dagli scorci panoramici che diventano sempre più ampi e affascinanti, mostrando tutta la bellezza delle strette di Pertuso e del primo tratto della Val Borbera.

Continuando a salire tra roverella (Quercus pubescens) e carpino nero (Ostrya carpinifolia) si affrontano brevi tratti rocciosi dove nuovamente ci vengono in aiuto le corde fisse e si giunge sulla cresta principale da dove è possibile godere di una splendida veduta dei sottostanti paesi di Cantalupo e Rocchetta, del corso del Borbera che attraversa tutta la valle e delle principali cime di questo tratto di Appennino.

Proseguendo lungo il Costone della Ripa fra boschetti e spazi aperti che lasciano apprezzare il profumo del timo si giunge alla Croce degli Alpini (mt. 830) che si affaccia dalla cresta sul territorio sottostante.

Dopo una sosta per apprezzare il panorama, si riprende il cammino in lieve discesa, incontrando altri brevi tratti attrezzati; si passa attraverso boschetti di roverella alternata a carpino nero, ciliegio e nocciolo, mentre nelle radure è presente il ginepro (Juniperus communis).

Si giunge quindi alla Selletta del Monte Cravasana (mt. 815), da dove parte sulla sinistra il sentiero 255 che scende a Pagliaro Inferiore; proseguendo diritto si incontra dopo pochi metri un bivio: prendere il sentiero sulla sinistra che si inerpica verso il Poggio (mt. 853) raggiungibile in pochi minuti, dove sorge un ricovero in legno ove si può sostare.

Ritornati indietro di una ventina di metri si svolta a sinistra (segnavia e picchetti sono poco visibili con l’erba alta) e si scende decisamente, costeggiando il boschetto, fino a sbucare, dopo pochi minuti, su una carrareccia dove si gira nuovamente a sinistra, arrivando in breve alla Sella di Avi (mt. 732), dove sulla destra si trova il sentiero 256, che transita per la borgata abbandonata di Avi.

Il percorso segue la carrareccia con lievi saliscendi tra freschi boschi di castagno (Castanea sativa) e tratti più aperti che lasciano intravedere la selvaggia valle del rio Avi, giungendo infine al bivio che sovrasta la chiesa di Roccaforte, da cui si diparte sulla destra il sentiero 275 per Vignole Borbera, mentre a sinistra si possono raggiungere i ruderi del Castello Malaspina.

Ripresa la discesa si giunge in breve alla parrocchiale di Roccaforte Ligure (mt. 782), punto di arrivo del nostro itinerario.



Difficoltà
Escursionisti Esperti

Lunghezza
7,23 km

Tempo
4 Ore


Icona pdf Scarica il pieghevole (file pdf 3.76 Mb)

Allegato 1: La Stele di Pertuso
La Stele di Pertuso

Allegato 2: Il Borbera attraversa le Strette di Pertuso
Il Borbera attraversa le Strette di Pertuso

Allegato 3: Il ponticello sul torrente Borbera
Il ponticello sul torrente Borbera

Allegato 4: Tratto del sentiero attrezzato con passerelle e corde fisse
Tratto del sentiero attrezzato con passerelle e corde fisse

Allegato 5: Panorama con il Borbera e la strada provinciale SP 140
Panorama con il Borbera e la strada provinciale SP 140

Allegato 6: Passaggio attrezzato su roccia
Passaggio attrezzato su roccia

Allegato 7: La puddinga, tipica formazione rocciosa della Val Borbera
La puddinga, tipica formazione rocciosa della Val Borbera

Allegato 8: Panorama della valle e delle cime circostanti
Panorama della valle e delle cime circostanti

Allegato 9: La Croce degli Alpini (mt. 830)
La Croce degli Alpini (mt. 830)

Allegato 10: Corda fissa sulla puddinga
Corda fissa sulla puddinga

Allegato 11: La selvaggia valle di Avi
La selvaggia valle di Avi

Allegato 12: Il sentiero entra nel bosco
Il sentiero entra nel bosco

Allegato 13: La Selletta Cravasana (mt. 815)
La Selletta Cravasana (mt. 815)

Allegato 14: Il ricovero in legno sul Poggio (mt. 853)
Il ricovero in legno sul Poggio (mt. 853)

Allegato 15: Scorcio del ricovero del Poggio
Scorcio del ricovero del Poggio

Allegato 16: La Sella di Avi (mt. 732)
La Sella di Avi (mt. 732)

Allegato 17: Il sentiero verso Roccaforte
Il sentiero verso Roccaforte

Allegato 18: I ruderi del Castello Malaspina
I ruderi del Castello Malaspina

Allegato 19: La Chiesa Parrocchiale di Roccaforte Ligure
La Chiesa Parrocchiale di Roccaforte Ligure

Allegato 20: Il piazzale antistante la Chiesa, punto di arrivo del sentiero
Il piazzale antistante la Chiesa, punto di arrivo del sentiero