Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 514401
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO RIFUGIO ORSI - MONTE PANA'

114

Zona
Settore 1 - Tortona e la Val Curone

Icona immagine Visualizza la mappa (file jpg 6.21 Mb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 6.64 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 4.59 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 15.39 kb)

 Itinerario breve che, con un dislivello contenuto, permette di raggiungere il crinale tra le valli Curone e Borbera, caratterizzato dalle cime più importanti del nostro Appennino e da splendide vedute panoramiche. Il percorso parte dal Rifugio “Ezio Orsi”, raggiungibile solamente a piedi tramite il sentiero 106 (Caldirola – Monte Ebro) o mediante il sentiero 113 (Stalle Salogni – Rifugio Orsi). 
 Il Rifugio “Ezio Orsi”,  inaugurato nel luglio 2004, è fornito di una piccola stanza adibita a rifugio di emergenza sempre aperto, mentre la struttura ricettiva è aperta nei fine settimana e nei mesi di Luglio e Agosto (per informazioni contattare il n. 338 4964613). Il percorso inizia sulla sinistra della struttura, attraversa un prato e poi incomincia a risalire il versante boscato, immergendosi in un bellissimo bosco di faggio (Fagus sylvatica).
Il sentiero affronta tratti in pendenza alternati ad altri in piano, percorrendo il versante a mezzacosta e portandosi in direzione nord-ovest, poi affianca un’antica valletta posta sotto il Monte Cosfrone che in passato ospitava un piccolo laghetto. Il percorso prosegue in salita, esce dalla faggeta ed attraversa i prati sommitali punteggiati da alberelli di sorbo montano (Sorbus aria), raggiungendo in breve il crinale, contraddistinto da una vecchia recinzione. Svoltando a destra e proseguendo sul crinale il sentiero giunge in pochi minuti alla cima del Monte Panà (mt.1562), priva di elementi di riconoscimento quali croci o targhe, ma identificabile in quanto subito dopo comincia una brusca discesa verso il Monte Gropà.
Il panorama dalla vetta è notevole e permette di ammirare ad ovest la Val Borbera, contraddistinta dai suoi rilievi a conglomerati e ad est la Val Curone e il crinale con il Monte Rotondo e il Monte Bagnolo; a nord-ovest si possono distinguere facilmente il rifugio sul Monte Gropà (mt. 1443) e la cima del  Monte Giarolo (mt. 1473), con i suoi numerosi ripetitori, mentre in direzione sud-est si riconosce Monte Chiappo (mt. 1700), con il suo rifugio. Chi volesse effettuare un percorso ad anello può  proseguire lungo il crinale in direzione sud fino a  raggiungere il Monte Ebro (mt. 1700), la cima più elevata della nostra provincia, e ridiscendere poi al rifugio Orsi mediante il sentiero 106.



Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
1,57 km

Tempo
0 Ore 30 Minuti

Allegato 1: Il Rifugio “Ezio Orsi” (mt. 1.397)
Il Rifugio “Ezio Orsi” (mt. 1.397)

Allegato 2: L’imbocco del sentiero
L’imbocco del sentiero

Allegato 3: La faggeta
La faggeta

Allegato 4: I prati sommitali
I prati sommitali

Allegato 5: Arrivo al Monte Panà (mt. 1562)
Arrivo al Monte Panà (mt. 1562)

Allegato 6: Panorama verso i monti Ebro e Chiappo
Panorama verso i monti Ebro e Chiappo

Allegato 7: Veduta del Monte Giarolo e della Val Borbera
Veduta del Monte Giarolo e della Val Borbera