Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e San Salvatore
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 545851
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO CALDIROLA - MONTE GIAROLO

107

Zona
Settore 1 - Tortona e la Val Curone

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 468.48 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 6.48 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 7.07 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 26.69 kb)

 Si risale la Val Curone mediante la provinciale SP 100 fino alla frazione di Caldirola, dove, al km. 33 + 900 si  parcheggia nel piazzale dove si trova la bacheca informativa del percorso.
 
Dal piazzale si ritorna indietro per poche decine di metri sulla provinciale, fino a trovare sul lato sinistro una stradina secondaria che sale verso il Residence Villaggio Cristina; dopo un breve tratto di asfalto che costeggia il residence, il percorso segue una carrozzabile sterrata che transita nei pressi delle stalle di Caldirola e svolta a sinistra in corrispondenza di un bivio, continuando a salire sulla carrareccia caratterizzata da un fondo ghiaioso abbastanza instabile.
Superata la zona arbustiva, il percorso entra in un bosco di latifoglie fino ad una secca svolta a destra dove lascia la carrareccia e prende un sentiero che prosegue la risalita del versante giungendo ad una zona interessata da un rimboschimento di conifere; oltrepassata l’abetaia il sentiero si inoltra in un bosco di faggio (Fagus sylvatica) e dopo alcuni tornanti sbuca sui prati sommitali oltrepassando un piccolo cancelletto in legno.
Il percorso svolta a sinistra e, superata una bacheca informativa, giunge sul crinale tra le valli Borbera e Curone; il sentiero svolta a destra e, con un’ultima rampa, raggiunge la sommità del Monte Giarolo (mt. 1473), dominata dalla statua del Cristo Redentore.
 


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
2,75 km

Tempo
1 Ora 30 Minuti

Allegato 1: L’inizio del percorso con la segnaletica
L’inizio del percorso con la segnaletica

Allegato 2: La carrareccia
La carrareccia

Allegato 3: Passaggio nel bosco
Passaggio nel bosco

Allegato 4: L’abetaia
L’abetaia

Allegato 5: Arrivo sul crinale
Arrivo sul crinale

Allegato 6: Panorama dalla vetta del Giarolo (mt. 1473)
Panorama dalla vetta del Giarolo (mt. 1473)

Allegato 7: La statua del Redentore
La statua del Redentore