Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 430912
dal 05/06/2007

SENTIERO ROCCAFORTE LIGURE

274

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 922.46 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 7.74 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 7.19 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 28 kb)

 Si attraversa la Val Borbera tramite la provinciale SP140 fino al km 18,300 dove si svolta a destra; seguendo le provinciali SP 145 e 144 si risale al paese di Roccaforte Ligure, fino a giungere alla bella Chiesa parrocchiale, dove si parcheggia l’auto.
 
La chiesa di Roccaforte Ligure (mt. 782) è il punto dove convergono i sentieri della zona, (260, 274 e 275); il percorso passa tra la chiesa e un’abitazione e subito giunge ad un bivio nei pressi del cimitero (mt. 780) dove è presente il palo segnavia : i sentieri 260 e 275 svoltano a sinistra mentre il 274 continua a destra.
Il percorso lascia la piccola carrozzabile, segue il sentiero che attraversa la strada comunale, transitando nei pressi di una bellissima quercia sempreverde (ibridizzata con Quercus cerris), poi oltrepassa la frazione Corti, passando ai piedi del rilievo ove sorge la graziosa chiesetta della Madonna delle Grazie.
Il percorso scende sulla strada asfaltata e subito la lascia svoltando a destra per proseguire in discesa lungo la mulattiera che si inoltra nei fitti boschi di querce che ricoprono questi versanti.
Tenendo sempre la sinistra ai vari bivi che si incontrano, il percorso passa alle pendici del Bric Neve e procede in continua discesa con andamento parallelo ad un piccolo rio tributario del vicino rio di San Martino, quello stesso rio che anni fa muoveva la ruota del Mulino Serventino e che poi confluisce nel Torrente Bovegna, principale corso d’acqua di questa valle.
Poco prima di giungere sul fondovalle, il sentiero permette di osservare la grande area di allevamento di suini, che qui vivono praticamente allo stato brado ed infine arriva al Mulino Serventino (mt. 466), recentemente ristrutturato.
Superato un ponticello sul rio il sentiero 274 incrocia il sentiero 200 (anello Borbera – Spinti), per cui svoltando a destra si può proseguire per il M. Crovo e poi per Varinella,    mentre svoltando a sinistra si risale verso la frazione Borassi, il Bric delle Camere ed infine Costa Salata di Mongiardino.
 


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
2,40 km

Tempo
0 Ore 45 Minuti

Allegato 1: L’inizio del sentiero
L’inizio del sentiero

Allegato 2: La chiesa di Roccaforte Ligure
La chiesa di Roccaforte Ligure

Allegato 3: La quercia sempreverde
La quercia sempreverde

Allegato 4: Un tratto del sentiero
Un tratto del sentiero

Allegato 5: Il Mulino di Serventino (mt. 466)
Il Mulino di Serventino (mt. 466)

Allegato 6: Veduta invernale
Veduta invernale