Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 514401
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO FABBRICA CURONE - SELVAPIANA

104

Zona
Settore 1 - Tortona e la Val Curone

Icona immagine Visualizza la mappa (file jpg 5 Mb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 7.51 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 19.75 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 74.74 kb)

Il percorso costituisce un tratto del lungo itinerario denominato “La Via del Mare” che unisce Tortona a Capanne di Cosola e scende poi in Liguria fino a giungere a Portofino, con uno sviluppo di oltre 100 chilometri.

Per quanto riguarda il territorio della nostra provincia il percorso è suddiviso in cinque tappe:
1.       sentiero 101   Tortona – Volpedo
2.           “      102   Volpedo – Serra del Monte
3.           “      103   Serra del Monte – Fabbrica Curone
4.           “     104    Fabbrica Curone – Selvapiana
5.           “     105    Selvapiana - Capanne di Cosola
 
 
Il sentiero ha inizio dal paese di Fabbrica Curone, dove si imbocca una stradina asfaltata che parte sulla sinistra della strada provinciale, di fronte alla incantevole Pieve gotico-romanica e all’altezza dell’insegna del bar-tabacchi omonimo.
La strada asfaltata sale per un breve tratto, diventando poi sterrata, indicata con il segnavia CAI n.104; il sentiero risale dolcemente in un boschetto a prevalenza di castagno (Castanea sativa) e con belle fioriture primaverili di primula (Primula vulgaris) e elleboro (Helleborus foetidus).
Dopo circa due chilometri di percorso si giunge alla piccola frazione di Pareto (mt.650); la si lascia alla propria sinistra proseguendo lungo il tracciato che si apre su un ambiente prativo e dal quale si gode di una incantevole visuale panoramica sulle valli limitrofe.
In prossimità di un evidente bivio mantenere la destra (avvertenza: in questo tratto del sentiero scarseggia la segnaletica!) e circa 50 mt dopo aver superato una baracca verde svoltare a sinistra seguendo il percorso che sale tra ciliegi, querce, castagni. In corrispondenza di uno spiazzo ove si dipartono più tracciati, piegare verso sinistra e poi proseguire subito diritti per arrivare in breve ad un ambiente più aperto, caratterizzato da una bella veduta panoramica sulla valle sottostante.
Si cammina tra alti cespugli di ginepro misti a querce, per poi inoltrarsi nuovamente in un fitto bosco di castagni; giunti dove il sentiero  principale scende verso destra, mantenersi invece sul tracciato più disconnesso a sinistra (segnaletica scarsa) e proseguire nel bosco. Dopo circa 100 mt. si sbuca su di uno spiazzo, dal quale bisogna immettersi sulla stradina inghiaiata che scende verso destra e che porta ad una bella veduta di Cella di Varzi.
 Il sentiero, dopo aver lasciato sulla propria sinistra i ruderi del Castello dei Malaspina (secolo XIII), sbocca sulla strada asfaltata e svoltando a destra si attraversa il paese di Cella di Varzi. Oltrepassato il ponte si gira a sinistra, seguendo le indicazioni per il Tempio della Fraternità (mt. 700) (www.varziviva.net),costruito su iniziativa di un sacerdote del posto, cappellano militare durante l’ultimo conflitto mondiale, come simbolo e auspicio della fratellanza umana e che raccoglie cimeli bellici di tutto il mondo.
Superato il Tempio si prosegue sulla destra del cimitero  seguendo la segnaletica e procedendo sulla strada sterrata che si inoltra tra aree prative,  castagni e querce ed arriva in breve al paese di Selvapiana (mt.770), dove il sentiero termina in corrispondenza di una fontanella in un piccolo spiazzo.


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
6,93 km

Tempo
2 Ore


Icona pdf Scarica il pieghevole (file pdf 623.7 kb)

Allegato 1: Un tratto del percorso
Un tratto del percorso

Allegato 2: Arrivo alla Pieve
Arrivo alla Pieve

Allegato 3: La Pieve di San Giovanni
La Pieve di San Giovanni

Allegato 4: Scorcio del Torrente Grana
Scorcio del Torrente Grana

Allegato 5: La carrozzabile
La carrozzabile

Allegato 6: Il percorso nei pressi del castello di Lignano
Il percorso nei pressi del castello di Lignano

Allegato 7: Cappelletta sul percorso
Cappelletta sul percorso