Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 453770
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO E1 (TRATTO ARQUATA S. - COLLA DEL PRETE)

E1

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona immagine Visualizza la mappa (file jpg 6.58 Mb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 10.01 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 27.31 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 98.46 kb)

Il sentiero europeo E1 è un percorso in fase di realizzazione che collegherà Capo Nord (Norvegia) con Capo Passero (Sicilia), attraversando da nord a sud l’intero continente europeo per un totale di oltre 6.000 km.Attualmente il tratto da Capo Nord alla Danimarca è in avanzata via di esecuzione e la località ufficiale di partenza è il porto tedesco di Flensburg; attraversata tutta la Germania e la Svizzera l’itinerario giunge nel nostro Paese, ove al momento si ferma in Abruzzo, in attesa del completamento fino alla Sicilia. Nella nostra provincia l’E1 risale la Valle Scrivia fino ai confini con la Liguria dove si sovrappone all’Alta Via dei Monti Liguri e piega poi verso la Toscana.

 Percorsa la via Interiore di Arquata Scrivia, si giunge nella piazzetta di S. Rocco dove si incontra una palina indicatrice del percorso; si imbocca una stretta stradina in salita (Via Carrara) e, superate le ultime abitazioni, si trova sulla sinistra la breve deviazione che porta alla torre e ai ruderi medievali; tornati sul percorso, si prosegue su asfalto per circa un chilometro.
Al termine del tratto asfaltato, in prossimità di una stazione di rilevamento meteorologica, si prosegue su una carrareccia che corre sulla linea di spartiacque tra isolati esemplari di roverella (Quercus pubescens) e macchie di ginestra (Cytisus scoparius).
Si scende leggermente seguendo la carrareccia, tra boschetti di castagno (Castanea sativa), ciliegio (Prunus avium) e carpino nero (Ostrya carpinifolia), dove in primavera si possono ammirare splendide fioriture di primula (Primula vulgaris), elleboro (Helleborus viridis) e scilla (Scilla bifolia); si arriva ad un bivio dove si tiene la destra, in salita; giunti in cima si prende a sinistra, camminando nel castagneto e seguendo sempre la mulattiera centrale.
Dopo un lungo tratto nel bosco, si giunge in una zona aperta che offre scorci panoramici sui calanchi; si svolta a destra e si arriva poi alla radura ove si trova la Masseria Praga, ormai abbandonata; dopo un breve tratto in salita si continua nel bosco fino al bivio con il sentiero 299a, si tiene la sinistra e si prosegue su continui saliscendi; con una secca svolta a sinistra il tracciato incomincia a scendere di quota e dopo aver superato il bivio con il sentiero 299, si giunge all'incantevole Masseria Cappelletta, sapientemente ristrutturata.
Dalla piccola borgata si scende con una strada inghiaiata fino alla comunale sottostante, ove, svoltando a sinistra si arriva in breve alla frazione di Sottovalle, dove si percorre la via principale fino a imboccare la via in salita di fronte all’abitazione col numero civico 94 (segnavia assente) e si sale fino ad una casa ove si lascia l’asfalto e si prende il sentiero a sinistra, risalendo nel bosco di castagno, caratterizzato in primavera da fioriture multicolori di primula, erba trinità (Hepatica nobilis), scilla, elleboro e dente di cane (Erythronium dens-canis).
Giunti sul crinale si può ammirare il panorama caratterizzato dai calanchi, tipici di questa parte del territorio; si prosegue ancora tra saliscendi nel bosco misto di castagno, ciliegio e rovere (Quercus petraea) e dove si incontrano esemplari di notevoli dimensioni di agrifoglio (Ilex aquifolium), peculiari di questa zona.Il sentiero prosegue tra gli alberi fino a giungere al ventoso valico della Colla del Prete (mt. 635), che, nelle belle giornate, offre uno splendido panorama sulle vette circostanti. Dalla Colla del Prete,  l'E1 prosegue sconfinando in Regione Liguria, per poi rientrare nel settore ovadese in direzione Passo della Bocchetta:


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
9,39 km

Tempo
3 Ore


Icona pdf Scarica il pieghevole (file pdf 422.85 kb)

Allegato 1: La torre di Arquata Scrivia
La torre di Arquata Scrivia

Allegato 2: Il primo tratto del percorso
Il primo tratto del percorso

Allegato 3: Il sentiero tra le querce
Il sentiero tra le querce

Allegato 4: Scorcio del sentiero
Scorcio del sentiero

Allegato 5: Tratto su carrareccia
Tratto su carrareccia

Allegato 6: La Masseria Praga
La Masseria Praga

Allegato 7: La Cappelletta della Masseria omonima
La Cappelletta della Masseria omonima

Allegato 8: Veduta della Masseria Cappelletta
Veduta della Masseria Cappelletta

Allegato 9: Il percorso verso Sottovalle
Il percorso verso Sottovalle

Allegato 10: Veduta della frazione di Sottovalle
Veduta della frazione di Sottovalle

Allegato 11: Paesaggio con i calanchi
Paesaggio con i calanchi

Allegato 12: Un tratto del percorso
Un tratto del percorso

Allegato 13: Il sentiero nel bosco
Il sentiero nel bosco

Allegato 14: La Colla del Prete (mt. 635)
La Colla del Prete (mt. 635)

Allegato 15: Panorama dalla Colla del Prete
Panorama dalla Colla del Prete