Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 514401
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO BIVIO MULINO DI SOPRA - CASCINA BARO

283

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 244.54 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 10.23 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file KML 9.36 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 29.33 kb)

Per giungere all’inizio del percorso è necessario seguire il primo tratto del sentiero 280; guadato il torrente Spinti si prosegue per circa 200 metri fino ad arrivare al bivio dove sulla destra si diparte il sentiero 283, indicato anche con il segnavia “SE” (sentiero degli essiccatoi).

 
Dal bivio suddetto in località Mulino di Sopra si tiene la stradina di destra che poco dopo supera il Rio Gavassana; percorsi alcuni metri si gira a sinistra, camminando infossati nel bosco e arrivando in breve su una costa che si affaccia su un’ampia radura.
Al successivo bivio si lascia per un attimo il sentiero e si gira a destra, giungendo in un centinaio di metri all’ “Abègu Ciape” (mt. 400), uno degli antichi essiccatoi recentemente ristrutturati un tempo chiamati “abèghi”; queste caratteristiche costruzioni in pietra erano destinate alla fumigazione delle castagne al fine delle loro conservazione.
Tornati sul sentiero si sale tra esemplari di orniello (Fraxinus ornus) e roverella (Quercus pubescens), continuando tra saliscendi fino ad arrivare ad una zona dominata dal castagno (Castanea sativa)  incontrando sul percorso il secondo essiccatoio, denominato “Abègu Apricusa” (mt. 490).
Si prosegue scendendo verso l’impluvio del Rio Gavassana, oltrepassato il quale si risale per pochi metri arrivando all’incrocio con il sentiero 282, mediante il quale si può far ritorno a Grondona.
Continuando sul sentiero 283 si affronta una salita piuttosto impegnativa che porta al bivio dove, nei pressi dei ruderi della Cascina Baro, si incrocia il sentiero 280; se si gira a sinistra si ritorna direttamente a Grondona mentre prendendo a destra si prosegue sul 280 fino ad incrociare il sentiero 281 che permette di visitare altri due essiccatoi, chiudendo poi l’anello verso il paese.


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
2,92 km

Tempo
1 Ora 15 Minuti

Allegato 1: Bivio Mulino di Sopra
Bivio Mulino di Sopra

Allegato 2: Il sentiero entra nel bosco
Il sentiero entra nel bosco

Allegato 3: Il paesaggio
Il paesaggio

Allegato 4: Scorcio panoramico
Scorcio panoramico

Allegato 5: Bivio per l’essiccatoio Ciape
Bivio per l’essiccatoio Ciape

Allegato 6: Abègu Ciape
Abègu Ciape

Allegato 7: Interno dell’essiccatoio
Interno dell’essiccatoio

Allegato 8: Un tratto del sentiero
Un tratto del sentiero

Allegato 9: Segnavia sul percorso
Segnavia sul percorso

Allegato 10: Nel castagneto
Nel castagneto

Allegato 11: Arrivo al secondo essiccatoio
Arrivo al secondo essiccatoio

Allegato 12: Abègu Apricusa
Abègu Apricusa

Allegato 13: L’ultima salita
L’ultima salita

Allegato 14: Bivio Cascina Baro
Bivio Cascina Baro