Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e le sue colline
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 514401
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO PERTUSO - BIVIO RIVAROSSA

209

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 1004.72 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 8.87 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file KML 7.26 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 24.08 kb)

Percorso decisamente impegnativo a causa del dislivello e di alcuni passaggi esposti sulle rocce di puddinga, che, soprattutto in discesa, richiedono prudenza e attenzione.

 
Risalita la Val Borbera lungo la strada provinciale SP 140, si giunge (km. 15,600) al piazzale antistante la stele di Pertuso (mt. 376), monumento che ricorda il sacrificio dei partigiani della Divisione Pinan Cichero durante il periodo della Resistenza, dove si può parcheggiare.
 
Lasciata l’auto si torna indietro sulla provinciale verso valle per circa 250 metri, fino a trovare sulla destra un piccolo impluvio sulla parete di roccia; abbandonato l’asfalto il sentiero si inerpica sul ripido costone piegando a sinistra in modo da sovrastare la strada; poco dopo si gira a destra salendo decisamente lungo la linea di cresta notando quasi subito delle “buche”, dove si riparavano i partigiani durante la battaglia di Pertuso.
Si risale faticosamente la lunga e aspra Costa Camisola, tra isolate piante di roverella (Quercus pubescens) e radi cespugli di biancospino (Crataegus monogyna) e ginepro (Juniperus comunis), seguendo l’esile traccia marcata dai segnavia bianco-rossi e dai classici “ometti” di pietre.
Durante le necessarie soste si possono ammirare le vedute panoramiche che, sempre più ampie, ci mostrano i rilievi della Val Borbera e le sottostanti Strette di Pertuso, accompagnati dal profumo del timo (Thymus vulgaris) che predomina in quest’area.
Superato un tratto esposto sulla puddinga, tipica formazione rocciosa della zona, si entra in un boschetto di orniello (Fraxinus ornus) e carpino nero (Ostrya carpinifolia), giungendo sulla sommità della Costa Camisola (mt. 847); qui si svolta a sinistra, scendendo in breve alla sottostante carrareccia, dove il percorso termina all’incrocio con il  sentiero 208; girando a sinistra si raggiungono in pochi minuti la chiesetta di Rivarossa, posta in posizione panoramica, e l’omonima borgata.


Difficoltà
Escursionisti Esperti

Lunghezza
2,00 km

Tempo
1 Ora 45 Minuti


Icona pdf Scarica il pieghevole (file pdf 823.95 kb)

Allegato 1: L’imbocco del sentiero
L’imbocco del sentiero

Allegato 2: Una postazione usata dai partigiani
Una postazione usata dai partigiani

Allegato 3: Le Strette di Pertuso
Le Strette di Pertuso

Allegato 4: Panorama con la chiesetta di Rivarossa sullo sfondo
Panorama con la chiesetta di Rivarossa sullo sfondo

Allegato 5: Foto “aerea” dal percorso
Foto “aerea” dal percorso

Allegato 6: Costa Camisola
Costa Camisola

Allegato 7: Tratto su puddinga
Tratto su puddinga

Allegato 8: La Val Borbera
La Val Borbera

Allegato 9: L’ultimo tratto del percorso
L’ultimo tratto del percorso

Allegato 10: Bivio Rivarossa
Bivio Rivarossa