Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e San Salvatore
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 624402
dal 05/06/2007
Ultime news

ANELLO BORBERA - SPINTI TAPPA 10 (COSTA SALATA MONGIARDINO - BORASSI)

200

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 143.98 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 8.82 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 16.68 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 72.96 kb)

Il sentiero 200 (Anello Borbera – Spinti) è un itinerario di lunga percorrenza che ha come punto di partenza Stazzano e, con un percorso pressoché circolare, ricalca i confini delle valli Borbera e Spinti, raggiungendo Arquata Scrivia.
L’itinerario completo ha uno sviluppo di circa 100 chilometri, attraversa territori incontaminati e tocca le principali cime del nostro Appennino,  ponendosi  come uno dei percorsi più significativi per gli amanti dell’escursionismo.
 
In considerazione della notevole lunghezza, il percorso è stato suddiviso in 11 tappe:
1.  Stazzano - Cà del Bello
2.  Cà del Bello - Molo Borbera
3.  Molo Borbera - Forcella sud Monte Barillaro
4.  Forcella sud Monte Barillaro - Monte Giarolo
5.  Monte Giarolo - Capanne di Cosola
6.  Capanne di Cosola - Capanne di Carrega
7.  Capanne di Carrega - Monte Antola
8.  Monte Antola - San Fermo
9.  San Fermo - Costa Salata Mongiardino
10. Costa Salata Mongiardino - Borassi
11. Borassi - Arquata Scrivia.

 
Risalita la SP 140 della Val Borbera e superato l’abitato di Cantalupo Ligure, si svolta a destra sulla SP 145 della Val Sisola, si attraversa il paese di Rocchetta Ligure, si supera Mongiardino Ligure e si giunge infine al km. 12 della provinciale, dove si parcheggia l’auto nei pressi del ristorante in località Costa Salata.
Pochi metri dopo il ristorante, nei pressi del valico, la provinciale incrocia il sentiero 200: sulla sinistra parte il tratto verso San Fermo mentre a destra inizia il sentiero diretto a Borassi.
 
Il percorso parte dal valico di Costa Salata di Mongiardino (789m) e prosegue su asfalto in direzione Pianzuola, dopo pochi metri svolta a sinistra e si immette sul sentiero panoramico che in breve tempo raggiunge la frazione di Caprieto di Vobbia (821m).
Il percorso prosegue tra le case del piccolo borgo dell’entroterra ligure, svolta a destra e riprende a salire dolcemente il versante boscato per posizionarsi sul crinale appenninico.
Il percorso passa alle pendici del Costone La Crocetta e ben presto si aprono le bellissime vedute panoramiche sulla verde Val Vobbia, incorniciata nelle giornate limpide dalla veduta del Mar Ligure sull sfondo.
Il sentiero arriva a Pian dei Curli (931m) e prosegue sul crinale, dove si alternano tratti nel bosco a tratti più aperti e panoramici tra begli esemplari di rovere (Quercus petraea) e fitti arbusteti di ligustro (Ligustrum vulgaris).
Questo piacevole sentiero supera poi il bivio con il sentiero 266 (Sisola-Camere Nuove-Bivio con 200) e prosegue sul crinale, raggiunge l’altura panoramica di Bric delle Camere (1014m), dove svolta in modo deciso a destra, in direzione nord (a sud invece continua un sentiero della FIE verso la frazione di Vobbia). Proseguendo sul crinale il sentiero raggiunge un bel punto panoramico, dove si può godere dell’impareggiabile panorama su entrambe le vallate divise da tale crinale: verso nord-est la valle scolpita dal torrente Sisola e in secondo piano i rilievi dell’alta Val Borbera, a sud-ovest l’entroterra ligure della Val Vobbia e in secondo piano il Mar Ligure.
Il percorso svolta a sinistra e si inoltra all’interno di un fitto castagneto,  scendendo di quota lungo la Costa della Moglia, riprende la carrozzabile sterrata che porta in breve tempo al bivio che sovrasta la piccola frazione di Camere Vecchie (789m).
Superato il bivio il percorso prosegue diritto su una carrareccia che attraversa un tratto boscato e giunge sull’asfalto nei pressi di alcune abitazioni; dopo un breve tratto sulla strada comunale il percorso arriva al quadrivio di Borassi (700m), nelle cui vicinanze sorge la piccola chiesetta della Madonna della Pace.


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
7,22 km

Tempo
2 Ore

Allegato 1: Costa Salata di Mongiardino (m 789)
Costa Salata di Mongiardino (m 789)

Allegato 2: Il primo tratto del percorso
Il primo tratto del percorso

Allegato 3: Scorcio di Caprieto
Scorcio di Caprieto

Allegato 4: L’incrocio con il sentiero 266
L’incrocio con il sentiero 266

Allegato 5: Passaggio nel bosco
Passaggio nel bosco

Allegato 6: Bric delle Camere (m 1014)
Bric delle Camere (m 1014)

Allegato 7: Il crinale
Il crinale

Allegato 8: Panorama dal sentiero
Panorama dal sentiero

Allegato 9: Il bivio di Camere Vecchie (m 771)
Il bivio di Camere Vecchie (m 771)

Allegato 10: Il quadrivio di Borassi (m 700)
Il quadrivio di Borassi (m 700)

Allegato 11: Arrivo alla Madonna della Pace
Arrivo alla Madonna della Pace