Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e San Salvatore
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 624403
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO PERSI – BIVIO SENTIERO 209

207

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 14.18 Mb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 8.3 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file KML 18.68 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 80.98 kb)

Da Arquata Scrivia si imbocca la provinciale SP 140 e dopo aver superato il paese di Borghetto Borbera si arriva alla Frazione di Persi, che si attraversa; giunti al km 9,700 della provinciale si trova sulla sinistra l’indicazione della frazione di Castellaro e si parcheggia l’auto.
Il sentiero storicamente si concludeva alla SS. Trinità di Molo Borbera, all’incrocio con il sentiero 200 (Anello Borbera Spinti), dopo circa 3 km.; recentemente la sezione CAI di Novi Ligure lo ha notevolmente prolungato, fino ad arrivare alla Costa Camisola, al bivio con il sentiero 209.
 
Da Persi (310 m) il percorso risale su asfalto costeggiando le abitazioni della frazione Castellaro e, tenendo la destra, lascia l’abitato, proseguendo su sterrato; oltrepassata un’ultima abitazione la carrareccia tiene la destra al bivio seguente, risalendo all’interno di una galleria boscata formato da piante di nocciolo (Corylus avellana) e castagno (Castanea sativa).
Il percorso giunge ad uno spiazzo con capanni e ricovero animali, oltrepassato il quale tiene la sinistra entrando nel bosco di querce e giunge in breve in una zona di affioramento calanchivo con  una bella veduta panoramica sulla sottostante Val Borbera.
In questo punto bisogna fare attenzione, perché il sentiero si inerpica sulla parete del calanco e risale fino al boschetto sovrastante, evitando sia la traccia che piega sulla destra sia quella in piano frontale; il cammino si snoda sulla parete dell’affioramento e pertanto si deve prestare attenzione nei periodi di pioggia, quando il fondo dei calanchi  diventa molto scivoloso.
Il percorso continua all’interno di un boschetto di rovere (Quercus petraea), per poi girare bruscamente a destra tra piante di ginestra (Spartium junceum) e arriva in una zona calanchiva molto bella, che bisogna oltrepassare tenendo leggermente la destra; si continua nel bosco di castagni e roveri su un comodo sentiero, alternando tratti in piano a leggeri saliscendi.
Al termine del bosco il cammino segue la carrareccia tra i cespugli di ginepro (Juniperus communis) ed erica (Erica arborea), arrivando poco dopo alla frazione Castello, con la sua bella chiesetta e la torre imponente che domina il paesaggio; poco dopo il percorso giunge alla Cappelletta della S.S. Trinità di Molo di Borbera (430 mt.) dove il sentiero 207 si sovrappone brevemente al sentiero 200 (Anello Borbera-Spinti).
L’itinerario passa sulla destra della cappelletta, proseguendo su carrozzabile sterrata e arriva quasi subito ad un bivio dove il sentiero 207 tiene la destra, mentre l’Anello Borbera Spinti prosegue a sinistra; il cammino prosegue in salita, prima su sterrato e poi sulla stradina asfaltata che conduce alla frazione Fontana, dove sono presenti una fontanella d’acqua e una piccola chiesetta ben conservata.
Lasciato il piccolo nucleo abitato, il sentiero prosegue nel bosco con una salita abbastanza impegnativa e arriva infine al bivio con il sentiero 207a che scende verso le Strette di Pertuso in località Bosco Piano; il cammino raggiunge il Bric Gava dove sono installati dei ripetitori e sventola la bandiera italiana.
Il percorso arriva in breve alla Sella del Monte Gavasa (864 m), dove incrocia il sentiero 208 (Strette di Pertuso – Monte Barillaro); attraversata la carrozzabile, il sentiero 207 si inerpica sul versante di fronte, giungendo alla boscosa cima del Monte Gavasa (911 m).
Il cammino prosegue tra gli alberi, scende leggermente e poi risale alla sommità della Costa camisola, dove si trova il bivio con il sentiero 209, che scende verso Pertuso; a pochi metri dalla vetta si trova un punto panoramico dal quale si gode di una splendida veduta della Val Borbera.


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
8,01 km

Tempo
3 Ore 30 Minuti

Allegato 1: Inizio del percorso a Persi (310 m)
Inizio del percorso a Persi (310 m)

Allegato 2: La strada sterrata
La strada sterrata

Allegato 3: Il tratto impegnativo sui calanchi
Il tratto impegnativo sui calanchi

Allegato 4: La carrareccia
La carrareccia

Allegato 5: La chiesetta e la torre in frazione Castello
La chiesetta e la torre in frazione Castello

Allegato 6: La SS. Trinità e il bivio con il sentiero 200
La SS. Trinità e il bivio con il sentiero 200

Allegato 7: Panorama dal sentiero
Panorama dal sentiero

Allegato 8: La chiesetta in frazione Fontana
La chiesetta in frazione Fontana

Allegato 9: Passaggio nel bosco
Passaggio nel bosco

Allegato 10: La Sella del Monte Gavasa (864 m)
La Sella del Monte Gavasa (864 m)

Allegato 11: Panorama dalle pendici del Gavasa
Panorama dalle pendici del Gavasa

Allegato 12: Il bivio con il sentiero 209 (850 m)
Il bivio con il sentiero 209 (850 m)

Allegato 13: Veduta della Val Borbera
Veduta della Val Borbera