Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e San Salvatore
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari a lunga percorrenza

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 624403
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO CASTEL RATTI - BIVIO DI COSTA MUTA

276

Zona
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 270.3 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 8.32 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file KML 6.03 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 18.04 kb)

Lasciata la provinciale SP140 si attraversa il paese di Borghetto Borbera; al termine dell’abitato si supera il cimitero e si svolta a destra in direzione Castel Ratti – Liveto.

Oltrepassato il ponticello sul torrente Borbera si continua sulla comunale fino a giungere ad un bivio dove si svolta a destra; dopo circa 200 metri si posteggia l’auto nei pressi di alcune abitazioni e si trova sulla sinistra un tabellone con le indicazioni del sentiero.
 
Il percorso si snoda per circa 100 metri su una stradina asfaltata che poi diventa sterrata, fiancheggiata da piante di robinia (Robinia pseudoacacia), ciliegio (Prunus avium) e nocciolo (Corylus avellana).
L’ampia carrozzabile sale decisa nel bosco, offrendo di tanto in tanto scorci panoramici della bassa Val Borbera e giunge poi su un pianoro erboso dove si trova sulla destra l’innesto del sentiero 277 che conduce al piccolo Santuario del Bambino di Praga e ridiscende  verso Castel Ratti (tale percorso è utilizzabile al ritorno per tornare alla macchina con un percorso ad anello).
Si prosegue sulla stradina a sinistra, transitando nei pressi di una piccola area attrezzata per la sosta vicino ai calanchi e si attraversano poi boschetti e piccole radure dove, con un po’ di fortuna, si possono osservare i daini che qui vivono numerosi.
Il cammino prosegue tra alberi di roverella (Quercus pubescens) e orniello ( Fraxinus ornus) e giunge in una zona dominata dal castagno (Castanea sativa); superato un ultimo bivio dove occorre tenere la destra che prosegue in piano, si arriva in breve al bivio di Costa Muta (mt. 400), dove si incrocia il sentiero 275 (Vignole Borbera – Roccaforte Ligure).


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
1,57 km

Tempo
0 Ore 45 Minuti

Allegato 1: L’inizio del percorso
L’inizio del percorso

Allegato 2: La carrozzabile entra nel bosco
La carrozzabile entra nel bosco

Allegato 3: Panorama dal sentiero
Panorama dal sentiero

Allegato 4: Il bivio Bambino di Praga (mt. 373)
Il bivio Bambino di Praga (mt. 373)

Allegato 5: Area attrezzata
Area attrezzata

Allegato 6: Un tratto del percorso
Un tratto del percorso

Allegato 7: La radura
La radura

Allegato 8: I calanchi
I calanchi

Allegato 9: L’ultima parte del sentiero
L’ultima parte del sentiero

Allegato 10: Il bivio di Costa Muta (mt. 400)
Il bivio di Costa Muta (mt. 400)